veicolo estero 3

Incidente con un veicolo straniero: come comportarsi?

Oggi giorno sta diventando sempre più frequente veder circolare sul nostro territorio veicoli con targhe straniere. Questo è dovuto al fatto che ormai in Europa si può circolare liberamente ma anche che nel nostro paese vi abitano sempre più stranieri che circolano con veicoli immatricolati all’estero. Quindi la possibilità di essere coinvolti in un incidente con un veicolo straniero, ovvero non immatricolato in Italia e assicurato presso Compagnie straniere, cresce. Cosa fare, dunque, in questi casi?

Cosa fare se si è coinvolti in un incidente con un veicolo straniero?

In questi casi la legge ci viene in aiuto. E’ stata stabilita una procedura semplificata in base alla quale la richiesta di risarcimento va inoltrata direttamente ad un ente nazionale, l’Ufficio Centrale Italiano (UCI). Questo ente gestisce, infatti, i sinistri che coinvolgono veicoli immatricolati all’estero all’interno del sistema della Carta Verde (certificato internazionale di assicurazione che consente ad un veicolo di entrare e circolare in un Paese estero essendo in regola con l’obbligo dell’assicurazione RCA obbligatoria nel Paese visitato).

La sua attività è oggi regolamentata dagli articoli 125 e 126 del Codice delle Assicurazioni private (D.Lgs n. 209 del 2005), e dal D.M. 31 agosto 2012.

Come procedere per la richiesta di risarcimento?

Per fare in modo che questo ente si attivi bisogna inviare la richiesta di risarcimento tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento presso la sede di Milano in Corso Sempione n.39 o a mezzo di posta elettronica certificata all’indirizzo uci@pec.ucimi.it.

Quali dati inserire nella richiesta?

Alcuni dati da riportare sono obbligatori come:

– il luogo e l’ora in cui l’incidente è avvenuto

– la descrizione della dinamica del sinistro

– i dati del richiedente, del conducente e del proprietario del veicolo estero

– i dati identificativi dei veicoli coinvolti

– in particolare quanto al veicolo estero la sua nazionalità e la targa

– il nome delle Compagnie assicuratrici dei due mezzi ed in particolare di quella del veicolo estero

– gli estremi dell’autorità intervenuta.

Se la richiesta riguarda solo il risarcimento di danni a cose occorre specificare l’entità del danno. Allegando se disponibili una copia della fattura per le riparazioni se queste sono già state eseguite oppure un preventivo e il luogo, i giorni e gli orari nei quali il mezzo e le cose sono disponibili per  una perizia.

Se, invece, viene richiesto anche il risarcimento dei danni fisici occorre specificare l’entità delle lesioni. Allegando una copia della perizia medico legale e l’attestazione medica che dimostri l’avvenuta guarigione.

Pensare di dover far tutto potrebbe sembrare un impresa ma è per questo che i professionisti di Studio Consol saranno al tuo fianco, al fine di farvi ottenere tutto ciò che vi spetta.

 Per avere maggiori informazioni su questo argomento e/o vuoi avere maggiore assistenza, con piani assicurativi personalizzati, Contattaci quanto prima per qualsiasi consulto gratuito. Compila il form o invia una mail a info@studioconsol.it.

Compila il form sottostante per ricevere una consulenza gratuita e saperne di più su come ottenere un maggiore assistenza se sei stato coinvolto in un incidente con un veicolo straniero.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Comments are closed.