medico

Mancata diagnosi della malattia: risponde il Medico.

Dal principio di diritto elaborato dalla Suprema Corte nella sentenza 27 marzo 2019, n. 8461 emerge che è configurabile il nesso causale tra il comportamento omissivo del medico ed il pregiudizio subito dal paziente. Questo rientra nel caso in cui, attraverso un criterio necessariamente probabilistico, si ritiene che l’opera del medico, se correttamente e prontamente prestata, avrebbe potuto aumentare le possibilità di evitare il danno verificatosi. Tale sentenza, infatti, ha accolto il ricorso di figli di una signora deceduta in corso di causa a seguito di tumore maligno diagnosticato tardivamente.

Responsabilità medica e nesso causale

In primo grado era stata respinta dal giudice la domanda risarcitoria ritenendo le prove insufficienti a dimostrare il nesso causale tra la negligenza del medico e la patologia e il successivo decesso. Successivamente in appello sia il medico che l’Asl venivano condannati al risarcimento del danno patrimoniale. Tale risarcimento sarebbe stato corrispondente al reddito medio che la donna avrebbe garantito per il periodo in cui sarebbe rimasta in vita grazie ad una più tempestiva diagnosi.

Gli eredi hanno contestato tale decisione in quanto non sono stati applicati correttamente i principi civilistici in materia di nesso di causalità. La motivazione risiede nel fatto che il nesso di casualità fosse riferito non alle conseguenze della condotta negligente costituita dall’evento morte, ma soltanto all’ipotetica maggiore durata della vita di cui la donna avrebbe potuto godere.

Cosa ha stabilito la Corte?

La Suprema Corte, pertanto, nell’accogliere il ricorso, ha osservato che il giudice dell’appello pur richiamando il principio del “più probabile che non”, non ne ha fatto corretta applicazione. In quanto ha decretato che la morte della donna non sarebbe stata evitata dalla diagnosi tempestiva del medico, la quale avrebbe solo consentito una sopravvivenza più lunga di due anni. In questo caso  il principio di causalità è stato applicato esclusivamente in relazione al lasso temporale di vita non vissuta.

Ti è capitato personalmente di essere vittima di un errore medico e da questo ne è conseguito un danno alla tua salute? Stai pensando se puoi ottenere un risarcimento danni?  Lo puoi scoprire leggendo l’articolo “Errore medico: come ottenere un risarcimento danni”.

Vuoi avere maggiori informazioni su questo argomento e/o vuoi avere maggiore assistenza in merito? Contattaci quanto prima per qualsiasi consulto gratuito. Compila il form o invia una mail a info@studioconsol.it.

Compila il form sottostante per ricevere una consulenza gratuita e saperne di più su come ottenere un piano assicurativo conforme alle tue necessità.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Comments are closed.